fibrolisi.jpg

La Fibrolisi Muscolare in Fisiatria, Ortopedia, Medicina Sportiva e Traumatologia

Servizi  –  Vercelli  –  Cigliano

La Fibrolisi Muscolare in Fisiatria, Ortopedia, Medicina Sportiva e Traumatologia

Come questa metodica può aiutare il processo di riassorbimento delle cicatrici.

La Fibrolisi Diacutanea , il cui prefisso “dià” deriva dal Greco, ossia attraverso, quindi letteralmente Fibrolisi attraverso la cute, è una metodica inventata da un Fisioterapista Svedese, Kurt Ekman.

Questa metodica, applicata per mezzo di particolari strumenti detti fibrolisori, viene utilizzata in vari ambiti quali la Fisiatria, l'Ortopedia, la Medicina Sportiva e la Reumatologia ed ha mostrato interessanti risultati in situazioni morbose a carico dei tessuti molli e delle Fibrosi Pararticolari e Periarticolari - vicino, o all’interno delle articolazioni.

In situazioni di sintomatologia acuta le risposte del nostro corpo non sono sempre ottimali: per questo, il processo di guarigione non può essere perfetto e il risultato può essere la formazione di “cicatrici” a livello di muscoli e tendini.

Tali cicatrici si presentano come noduli o aderenze fibrose e il loro processo di riassorbimento può durare mesi, se spontaneo, o non avvenire: la Fibrolisi cerca di accelerare il processo di riassorbimento, riportano il tessuto nelle sue condizioni iniziali.

I Fibrolisori sono strumenti in acciaio inox dalla diversa curvatura e ogni seduta consiste di due fasi:

  • Fase diagnostica
  • Intervento manuale

La Fibrolisi non è un trattamento indolore, anzi il dolore in certi casi può essere anche intenso, in particolar modo nelle zone dove sono presenti le maggiori aderenze.

Terminata la seduta non è escluso che vi sia una riacutizzazione del dolore, che tende a risolversi nel giro di poco tempo.

La Fibrolisi è sconsigliata nei soggetti con fragilità capillare, in persone troppo anziane e in tutti coloro particolarmente sensibili alle stimolazioni dolorose